mercoledì 16 giugno 2010

Salina, dove la vita si incrocia con un mondo incantato

Quest’isola credo che in molti l’abbiamo visitata con una guida d’eccezione. Siamo entrati nelle sue case bianche, abbiamo ammirato il mare cristallino, percorso le ripide stradine in bicicletta insieme al grande Massimo Troisi nel suo ultimo film, “Il Postino”, girato proprio a Salina.

E’ la seconda isola delle Eolie per estensione dopo Lipari. Il suo nome deriva dalla presenza di un laghetto dal quale si estraeva il sale. Conta circa 2.300 abitanti suddivisi in tre comuni: Santa Marina, Malfa e Leni.
Geologicamente deriva da sei antichi vulcani che oggi si possono scorgere nella forma del monte Fossa delle Felci, il più alto di tutte le Eolie con i suoi 961m, dalla cui cima si può ammirare tutto l’arcipelago, una parte della Sicilia nord-orientale e in buone condizioni meteo persino l’Etna, e del monte dei Porri 860 m.

Salina è definita la perla verde delle Eolie perché la sua vegetazione spontanea è verde e lussureggiante tutto l’anno, il suo terreno quindi è molto fertile e vi si coltivano uve pregiate da cui si ricava la famosissima Malvasia delle Lipari e i capperi altrettanto famosi ed esportati in tutto il mondo. Dal 1980 l’isola è Parco Regionale e nel 1981 è stata istituita la riserva naturale dei due monti.

Quest’anno Salina è stata promossa a pieni voti da Legambiente ricevendo ben cinque prestigiose vele blu, riconoscimento che valuta non solo la qualità delle acque di balneazione, ma anche tanti altri parametri come la raccolta differenziata, la valutazione del centro storico, ecc., che mirano alla realizzazione di un turismo sostenibile in armonia con l'ambiente circostante.

2 commenti:

  1. Fantastica! Il video rende bene l'idea del posto! I tramonti sul mare sono davvero suggestivi.

    RispondiElimina
  2. Ciao Luca....come stai?spero bene..un bacione grande.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...